La politica punta il dito sul lungomare

La politica punta il dito sul lungomare

Gela – Il Lungomare e tutti i suoi problemi tornano in primo piano. Il completamento e rifacimento del manto stradale e delle strisce orizzontali sono stati gli argomenti di una interrogazione firmata dai Consiglieri Comunali Luigi Di Dio e Francesca Caruso di Reset 4.0, Crocifisso Napolitano e Salvatore Scerra di Forza Italia. “Da qualche mese la passeggiata al mare del lungomare – si legge nell’interrogazione indirizzata al sindaco ed al Presidente del Consiglio comunale – viene transitata dalle persone seppur non ufficialmente i lavori siano stati consegnati. Il  cantiere di circoscrizione dell’area interessata all’intervento di rifacimento del lungomare sia stato rimosso prima dell’ultimazione dei lavori. In alcuni punti il nuovo lungomare risulta con pavimentazione dissestata e in altri punti pericolosamente percorribile per il dislivello della pavimentazione che di sera con luci soffuse potrebbe far incorrere la gente in un serio pericolo di infortunio.

Siamo in piena primavera con temperatura estive e il nostro lungomare sembra una casba, in stato di degrado, poco pulito, insabbiato e privo di cestini per non parlare di tutto il manto stradale e della segnaletica orizzontale inesistente.  Si avvicina l’estate è il nostro litorale andrebbe ripulito tutto e bisogna provvedere prima possibile a far iniziare il servizio di Soccorso e Salvataggio a mare non aspettando come sempre la stagione estiva inoltrata. I consiglieri Comunali Di Dio Luigi,  Francesca Caruso, Crocifisso Napolitano e  Salvatore Scerra  interrogano il Sindaco per conoscere le modalità di intervento e il cronoprogramma per risolvere i problemi e disservizi”.

Politica