Amministrazione e M5S divisi anche sul referendum

Amministrazione e M5S divisi anche sul referendum

Gela – Divisi anche sul tema del referendum. Il Gruppo Consiliare del M5S Gela composto da Enzo Giudice, Virginia Farruggia, Angelo Amato, Simone Morgana attacca l’amministrazione comunale sull’ atteggiamento tenuto in ordine all’argomento ‘tutto ambientalista’ della perforazione del mare, anche questo uno dei cavalli di battaglia dell’attuale amministrazione. “

Mentre cerchiamo di informare i cittadini sul potere fondamentale di questo referendum – scrivono i consiglieri – il sindaco Messinese rende dichiarazioni contrarie al quesito referendario, definendolo inadeguato ad ottenere risultati. Non prende posizioni, come sempre, il sindaco di Gela sceglie la zona grigia e, addirittura, arriva a fare una distinzione fra le diverse tipologie di trivellazione, come se esistessero trivelle buone e trivelle cattive. Il sindaco critica il referendum, questo fa con le sue dichiarazioni, così agevolando chi è favorevole alle trivellazioni. Non esistono trivelle buone o cattive, le trivelle oggi sono solo realtà negative, si basano su un concetto energetico arcaico, ottocentesco, che nega un futuro energetico evoluto. Il quesito è chiarissimo e impedisce ai petrolieri di trivellare in eterno nei nostri mari, come era fino al 2015. Il referendum darà il segno della volontà dei cittadini di cambiare le nostre scelte energetiche, di cambiare la politica nazionale. Il sindaco di una città devastata dal petrolio non può essere incerto sulle scelte da fare, non deve criticare uno strumento essenziale per la tutela del suo territorio. Tranquillizziamo tutti: non si perderanno posti di lavoro, non si chiuderanno i benzinai, non si spegneranno i fornelli, con la vittoria del Sì inizieremo una nuova politica energetica, sarà un grande segnale. Purtroppo il sindaco, con queste critiche, sembra sempre più vicino alle posizioni di chi è favorevole alle fonti fossili, dei petrolieri, andando contro tutti gli elettori che lo hanno scelto. Il 17 Aprile chi ama Gela e vuole un futuro per i propri figli vota Si e non critica il quesito referendario”.

E intanto continua la campagna informativa del Movimento Cinque Stelle per il referendum del 17 Aprile 2016. Questa volta ci incontreremo nella sala del Tropico Med a Gela, alle ore 18,00 di venerdì 15 Aprile 2016, con un convegno dal titolo “Giù le mani dal nostro mare”. Parleremo delle ragioni di questo referendum, approfondendo gli aspetti legali del quesito e le conseguenze scientifiche della scelta che siamo chiamati a compiere. Interverranno, tra gli altri, Domenico Macaluso, ricercatore del CNR ed Emilio Giudice, direttore della Riserva Naturale del Biviere di Gela; ci sarà come ospite anche  il grande apneista Enzo Maiorca. Dobbiamo constatare che siamo l’unica realtà politica a Gela che sta informando in maniera sistematica e strutturata i cittadini sulla tematica referendaria. Questa cosa ci lascia estremamente perplessi, perché informare i cittadini è il più alto dovere che i rappresentanti politici dovrebbero compiere, per garantire il responsabile esercizio di un diritto fondamentale.

Politica